Dolci

Pudding alla banana e sciroppo d’acero

20130526-PuddingBanana-030_600x900

Sono stati la merenda di una domenica pomeriggio che aveva bisogno di un pò di dolcezza.

Profumati e morbidi.

Pronti in un momento che nemmeno te ne accorgi. Un cucchiaio di legno e due scodelline bianco latte che ci provi a metterle in forno nonostante che.

Servirebbe un tavolo di legno vissuto. Non mancano invece fogli bianchi, rigorosamente a quadretti, e pastelli colorati per disegnare un cielo azzurro e un prato verde più veri del vero.

La radio che canta piano e là fuori un sole che scalda.

“Tutti i grandi sono stati piccoli una volta, ma pochi di essi se ne ricordano” (*)

Con questi, si torna bambini.

(*) “Il piccolo principe” di A.de Saint-Exupéry

20130526-PuddingBanana-031_600x900

Pudding alla banana e sciroppo d’acero
Autore: 
Porzioni: 2 o 3 porzioni
 
Cosa vi serve
  • 2 cucchiai di zucchero semolato
  • 2 cucchiai di sciroppo d’acero
  • 100 gr di banana matura schiacciata
  • 50 gr di burro fuso
  • 1 uovo
  • 75 gr di farina autolievitante
  • zucchero a velo, panna e sciroppo d’acero in più per servire
Mettiamoci al lavoro
  1. Mescolate in una ciotola lo zucchero, lo sciroppo d’acero, la banana schiacciata, il burro, l’uovo e la farina fino ad ottenere un composto omogeneo.
  2. Versatelo in due stampini imburrati da 250 ml (per misurare la capacità versateci dell’acqua)
  3. Infornate in forno già caldo a 170° per 30/35 minuti, verificando la cottura con uno stecchino
  4. Serviteli spolverizzati di zucchero a velo, se volete con della panna e altro sciroppo d’acero
Pin It
Print Friendly

Qualche idea in più:

9 pensieri su “Pudding alla banana e sciroppo d’acero

    1. Sweetie Autore articolo

      Provali, perchè sono proprio come dici, un mix di sapori da urlo!
      Grazie per essere passata da queste parti e buona giornata a te! :-)

      Replica
    1. Sweetie Autore articolo

      Ciao Marta!
      Non sono cremosi, nè fanno “pappetta” non so se rendo l’idea. Sono più simili alla consistenza di un muffin, ma più “teneri”!
      Si è capito niente vero? :D

      Replica

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rate this recipe: