Cake e plumcake

Apple Bundt Cake

Torta di Mele

A pensarci bene, in una fetta di torta di mele c’è molto di quello che sto cercando. Anche se la fetta di torta é l’ultima e lì intorno c’era una volta una ciambella.

Nell’elenco dei vorrei c’è la colazione lenta di una domenica mattina e uno stupido film di quelli che alla fine sono tutti felici e contenti. Le lanterne al loro posto, il gufo di ceramica che le guarda e le foto in bacheca. La luce soffusa di una candela e il profumo di arancia e cannella nell’aria.

Se poi ci aggiungi un paio di cucchiai di crème fraïche, fa subito domani parto e – in ordine sparso – mi viene a mente di ricordarmi che.

In Cours Saleya a Nizza, tutte le mattine, c’è il mercato della frutta e della verdura. Se non tornerò con millanta foto di ravanelli e altrettante di pomodori é solo perché c’è il rischio che piova e la musa occhio languido soffre l’umido.

Già mi vedo, di rientro in treno, con due coste di rabarbaro sotto il braccio, un mazzo di ravanelli in mano e un tot di olive in tasca.

Apple Bundt Cake - Ricetta

Ieri mi sono fermata, mi sono guardata tra uno scatto e l’altro e ho stilato l’elenco di quello che mi serve per essere felice.

Una specie di kit di sopravvivenza in pillole, buono per tenere a bada l’elenco dei vorrei. Non sono nemmeno a metà strada, ma il progetto #100happydays comincia a raccontare che.

100HappyDays

Per essere felici serve un gatto. Meglio un gatto come Poldo che te lo trovi sul pianerottolo quando torni la sera e ti chiama la mattina perchè c’è lo yogurt alla vaniglia.

Serve un panetto di burro usato senza scrupoli, una manciata di farina e il giusto quantitativo di zucchero.

Servono fiori. Tulipani, ma anche peonie. E per le peonie è tutta colpa di Donatella.

Una piantina di rabarbaro. Oppure se non volete uscire pazzi cercando di mettere le mani sul vegetale più ricercato della storia, due piantine di pomodori che fanno uguale. E dovreste vedere come crescono in fretta.

Una musa occhio languido al collo e, se possibile, un biglietto per partire in tasca.

La musa occhio languido è pronta. E il biglietto per partire pure. Vado a prendermi un pò di sana felicità, e voi – mi raccomando – fate proprio tutto-quello-che-serve-per fare altrettanto.

Ciambella con le mele - Ingredienti -300x450

Apple Bundt Cake - 300 x450

P.S. Avete un debole per i dolci con le mele e siete fermamente convinti che una mela al giorno sia cosa buona e giusta? Ho pensato a voi. Voi preoccupatevi solo di sbucciare le mele

P.P.S. Voi ridete, ma io per davvero potrei tornare con due coste di rabarbaro sotto braccio

P.P.P.S. La cosa bella è che voi ridete, ma tanto già sapete come finisce <3

5.0 from 1 reviews
Apple Bundt Cake
Autore: 
Porzioni: stampo da 20 cm
 
Ricetta tratta - con qualche variazione - da "Butter me up, Brooklyn!" http://buttermeupbrooklyn.com/
Cosa vi serve
  • 300 grammi di mele
  • 1 limone piccolo
  • 150 gr di crème fraîche
  • 30 ml di brandy
  • 10 ml di estratto di vaniglia
  • 150 gr di burro a temperatura ambiente
  • 180/200 gr di brown sugar (o zucchero di canna)
  • 2 uova a temperatura ambiente
  • 210 gr di farina
  • 1½ cucchiaino di lievito in polvere
  • un cucchiaino scarso di bicarbonato di sodio
  • 1½ cucchiaino di cannella in polvere
  • mezzo cucchiaino di sale
Mettiamoci al lavoro
  1. Grattugiate la buccia del limone in una ciotola, aggiungete la crème fraîche, il brandy, la vaniglia e lavorate il tutto con una frusta.
  2. Tagliate il limone a metà e spremete il succo in un'altra ciotola. Sbucciate le mele e tagliatele a pezzetti. Bagnatele con il succo di limone così da non farle scurire.
  3. In un'altra ciotola setacciate la farina, il lievito, il bicarbonato, il sale e la cannella.
  4. Lavorate con le fruste elettriche o nella planetaria il burro e lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
  5. Aggiungete le uova - una alla volta - lavorando bene l'impasto dopo ogni aggiunta .
  6. Aggiungete al composto di burro, in tre volte e alternandole, la miscela di crème fraîche e la miscela di farina.
  7. In ultimo aggiungete le mele.
  8. Imburrate e infarinate molto bene uno stampo da ciambella alto. Versate l'impasto e fate cuocere in forno già caldo a 160/170 gradi per 45/50 minuti circa verificando la cottura con uno stuzzicadenti.
  9. Fate raffreddare completamente prima di togliere la ciambella dallo stampo.

Pin It
Print Friendly

Qualche idea in più:

7 pensieri su “Apple Bundt Cake

  1. tatiana

    Io non rido e mi associo a te per il rabarbaro: solo due coste? Meglio qualcuna di più perchè il rabarbaro ha un colore stupendo e poi qui mica si trova facilmente…o almeno io non l’ho mai visto, ma si sa che nella mia città non si trova mai nulla….
    Che bella questa torta di mele che non ha molto di torta di mele, sembra una cosa golossima e allora io copio la ricetta perchè sto tenendo duro almeno finchè non vedo l’ago della bilancia scendere un pochetto: stiamo sostenendo un testa a testa all’ultimo sangue, un vero duello che non posso perdere proprio ora…
    Buon giovedì di partenza…ti aspetto alla stazione per vedere se spunta una tipa con un bel rabarbaro rosso rosso sotto il braccio!

    Replica
    1. Sweetie Autore articolo

      Hai ragione, meglio non limitarsi a due sole coste di rabarbaro che poi quando mi ricapita! Hai ragione, é un po’ più golosa di una torta di mele, tu tienila li. Io intanto faccio il tifo per te nel duello testa a testa 🙂

      Replica
  2. Stefania

    Io le mele le ho sbucciate ben due volte per fare i muffin con la cannella e le noci ! Buonissimi! Buon viaggio, buon relax!
    A presto…Stefania

    Replica
    1. Sweetie Autore articolo

      E allora, visto che hai già un certo allenamento, preparare questa sarà un attimo!
      Grazie Stefania, ci sentiamo quando torno! 🙂

      Replica
  3. Francesca

    Amica felina (oddio, ho detto amica… posso chiamarti così? Io che “oso” una tale parola con molta parsimonia…), sono emozionata per te! Perchè conosco bene i posti dove andrai, perchè in quel mercato in piazza ci ho lasciato il cuore, perchè avrò fatto tipo 357 foto solo sul lungomare, con le persone di spalle sedute sulle panchine (ah che poesia), perchè l’odore di burro in Francia inebria, perchè immagino che adesso, fuori stagione, lì sia tutto ancora più bello…
    Dove trovarmi lo sai già, conta sempre le righe, giuro che non ti farò solletico sotto il piede, sarò buona a vegliare sul viaggio… o vuoi che resti in casa a giocare a carte con Poldo e innaffiare l’orticello? 🙂
    Per essere felici a volte sembra servano tante cose, altre volte invece poche… ma giuste. Prendi tutta la curiosità che hai e mettila nello zaino, sono sicura che questi giorni saranno perfetti come la cannella insieme alla mela…
    Per ogni cosa – parere, racconto, pin, cambio calzini puliti – sono qui!

    Replica
    1. Sweetie Autore articolo

      Ho appena chiuso lo zaino, i calzini a righe ci sono, la curiosità pure – quella non manca mai – la voglia di “sentire” tutto anche. L’odore del burro, i colori del mercato, la luce sul lungomare: basteranno due batterie della musa occhio languido e qualche schedina? Io vado, ma poi torno. Ti ritrovo vero? 🙂
      Ti abbraccio stretta, amica felina, che proprio non riesco a pensarti diversa da così

      Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: