Biscotti

Frollini friabili

Non so dire se in questa ricetta qui, mi sia divertita di più a preparare i biscotti o a scattare le foto.

Alla ricerca di nuovi spazi, buoni per sistemare un tavolo un pò più grande e avere modo di girarci intorno, il balcone del soggiorno si è guadagnato il ruolo di nuovo set fotografico. Peccato che il balcone non sia tanto grande e quindi i biscotti stavano sul balcone, mentre io stavo in soggiorno.

Esatto, in soggiorno con tutte le finestre spalancate. E’ così che mi ha trovato il Muso sabato mattina: chiusa in soggiorno per evitare che in casa facessero capolino i pinguini, con le finestre del balcone spalancate, i biscotti che prendevano aria e io con addosso il piumino.

I gatti, sagaci, si erano dati alla macchia.

In ogni caso, e questo è ciò che conta più di tutto, i biscotti sono una delizia. Ho pensato fossero una buona idea per iniziare col piede giusto questa nuova settimana. La ricetta suggeriva di inzupparli nella cioccolata calda. Io non ho avuto modo di sperimentare, ma a naso mi sembra una buona idea. Ci provate voi e mi fate sapere?

La ricetta è tratta da “Frollini” di Maurizio Santin, edito da Guido Tommasi Editore

4.5 from 2 reviews
Frollini friabili by Maurizio Santin
Autore: 
 
Cosa vi serve
  • 400 gr di farina
  • 250 gr di burro morbido
  • 140 gr di zucchero a velo
  • 3 tuorli
  • 1 uovo
  • la buccia grattugiata di un limone non trattato
  • un pizzico di sale
Mettiamoci al lavoro
  1. Nella planetaria o con le fruste elettriche, lavorate il burro morbido con la buccia del limone e lo zucchero fino ad ottenere un composto ben montato.
  2. Aggiungete, uno alla volta, i tuorli e l'uovo. Quando l'impasto comincia a diventare omogeneo, aggiungete la farina setacciata e il sale.
  3. Create delle "esse" con un sac-à-poche direttamente su una teglia rivestita con carta forno.
  4. La ricetta dice solo di cuocere i biscotti a 170 gradi fino a colorazione. Io ho impostato inizialmente 15 minuti poi ho aggiunto altri 5 minuti di cottura, fino a quando i bordi delle esse non hanno cominciato a prendere un leggero colore
Pin It
Print Friendly

Qualche idea in più:

10 pensieri su “Frollini friabili

  1. Megarahwitch/La Strega

    Le esse sono una meraviglia: il freddo evidentemente giova ai dolci! XD
    La sostituzione dello zucchero normale con quello a velo l’ho vista in altre ricette, e effettivamente si tratta di preparati tutti molto friabili… Devo provare!

    Replica
    1. Sweetie Autore articolo

      E’ tipico della frolla montata, come quella della ricetta, che viene messa “in forma” con la sac-a-poche o con il mitico sparabiscotti, quello che prima o poi sarà mio! :D

      Replica
  2. Staximo

    Le S sono perfette! Bravissima! La frolla montata non è nelle mie “corde” e ottengo sempre degli spatasci inguardabili. Proverò la tua ricetta, qualche consiglio? :)

    Replica
    1. Sweetie

      Solita fortuna dei principianti! Davvero, non è stato difficile, l’impasto tiene benissimo. Unico consiglio il burro che deve essere morbido (non sciolto eh!) e le uova a temperatura ambiente. Ho fatto un terzo delle dosi e ho lavorato tutto con le fruste elettriche, se le provi fammi sapere come ti trovi!
      E grazie della visita! :D

      Replica
  3. Patty

    Complimentissimi! Ho visto la tua foto su pinterest e mi sono innamorata di questi biscottini. Sono capitata qui ed ho scoperto un mondo di biscotti meravigliosi. Adesso vado a gironzolare un po’ tra i tuoi post. Felice di conoscerti. Un salutone, Pat

    Replica
    1. Sweetie Autore articolo

      Grazie e benvenuta! Anch’io sono un’assidua frequentatrice di Pinterest, ti apre un mondo, è un pò come avere mille occhi. Crea una certa dipendenza, ma d’altra parte come si fa a resistere alle cose belle? :D
      Grazie ancora della visita e buona giornata!

      Replica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Rate this recipe: