Archivio della categoria: Pesce

Pesce

Involtini di branzino

Dopo aver contribuito ad innalzare il tasso di colesterolo e glicemia di tutti quelli che sono passati di qui con una serie di post ad alto contenuto zuccherino, ecco qui una ricetta sana, gustosa e profumatissima.
Negli anni, e parlo degli ultimi anni, i miei gusti a tavola sono cambiati profondamente, o meglio, diciamo che ho allargato i miei orizzonti. Chissà come è successo, fatto sta che adesso trovo gustosissimi dei piatti che nemmeno troppo tempo fa avrei evitato come la peste (o quasi).
Quello di oggi è un piatto che è entrato “nelle mie grazie” da non molto e di cui adesso vado ghiotta.
Io lo trovo delicatissimo e con un perfetto equilibrio di sapori. Può essere servito come antipasto oppure come secondo leggero e gustoso.

INGREDIENTI (per 12 involtini)
12 filetti di branzino sottilissimi
10 capperi
3 filetti di acciuga sott’olio
1/2 testa d’aglio
Olio extra vergine di oliva
2 cucchiai abbondanti di pangrattato
prezzemolo

Preparate il ripieno tagliuzzando finemente i capperi, le acciughe e l’aglio.
Unite il tutto al pangrattato, aggiungete il prezzemolo e l’olio e malgamate bene.
Prendete un filetto di branzino, aggiungete un cucchiaino di trito e pangrattato e arrotolate il filetto intorno al trito così da formare un involtino.
Mettete sul fuoco una pentola antiaderente con un filo d’olio e quando è ben calda aggiungete gli involtini.
Girateli periodicamente e non esagerate con la fiamma, sono pronti quando su tutti i lati si è fatta una bella crosticina croccante.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Qualche idea in più:

Pesce

Polpo e patate al pesto

Ecco un piatto di cui vado golosissima e che non preparavo da tanto, troppo  tempo. Sto parlando, come da titolo, del polpo con patate. Qui sotto, per i pochi che non lo conoscono, favorisco un ritratto della bestiola.

La preparazione del polpo, di per sè banalissima, ha rappresentato per lungo tempo una vera e propria sfida. Detta in parole semplici, mi mostravo restia (eufemismo) ad agguantare il polpo ed infilarlo nella pentola. Sarebbe bello poter dire che il problema stava nel rimorso legato al fatto che stavo cuocendo un esserino che era stato sacrificato per la mia tavola, in realtà il problema era solo tattile. Cioè, mi schifava (lo so che è una brutta parola, ma questo è il termine più corretto) toccare il pesce. Come ho risolto il problema? Non ne ho la più pallida idea. Dopo aver escluso l’utilizzo di guanti in lattice (non ridete) ho buttato il cuore al di là dell’ostacolo e mi sono messa a fare quello che ogni persona normale fa con assoluta nonchalance. Inutile dire che i polpi che entrano in casa mia sono tutti rigorosamente puliti 🙂
Ma veniamo alla ricetta, che rispetto alla preparazione più classica, prevede l’aggiunta di un cucchiaio di pesto che, a mio avviso, rende il piatto ancora più sfizioso!

INGREDIENTI
Polpo (minimo minimo minimo 1kg, sennò non vi resta niente!)
1 bicchiere scarso di vino bianco
succo di un limone
qualche grano di pepe
3/4 foglie di alloro
sedano
1 cucchiaio di olio
patate
pesto q.b.

Per prima cosa procuratevi una pentola sufficientemente grande da poter accogliere il polpo in tutta comodità. Fate bollire l’acqua a cui avrete aggiunto il succo di limone, l’olio, il pepe, le foglie di alloro e il sedano.
Quando l’acqua bolle agguantate il polpo ed immergete e togliete i suoi tentacoli dall’acqua bollente per 3 o 4 volte, affinché si arriccino e si ammorbidiscano nel contempo. Fatto questo immergete la bestiola nella pentola, abbassate il fuoco e fate cuocere per 40 minuti (in linea di massima contate 20 minuti di cottura per ogni 500 gr di polpo). In ogni caso prima di toglierlo dal fuoco controllate la cottura infilzandolo con una forchetta. Una volta cotto, lasciatelo in ammollo per qualche ora, e poi pulitelo e tagliatelo a pezzetti. Eliminare le ventose è semplicissimo, basta afferrare il polpo e far scorrere le dita lungo i tentacoli, senza nessuna difficoltà vi ritroverete con un polpo pulito e bianchissimo.
Nel frattempo fate bollire le patate in acqua salata. Una volta cotte, tagliatele a pezzetti e unitele al polpo. Mettete patate e polpo in una padella antiaderente, aggiungete un cucchiaio di pesto e fate saltare il tutto per qualche minuto.

P.S. Potete preparare il polpo il giorno prima e conservarlo ben sigillato in frigo
P.P.S. Se trovate una bestiola over-size, una volta cotto e tagliato a pezzetti potete anche congelarlo

Print Friendly, PDF & Email

Qualche idea in più: