Cake e plumcake

Carrot Cake

Carrot Cake

Sono settimane che inseguo una fetta di Carrot Cake.

E’ nell’elenco dei to-do-assolutamente da così tanto tempo che ho perso il conto di quante volte l’ho trascritta da una pagina all’altra, per non dimenticarla tra le righe di un questa-l’ho-già-fatta e questa pure.

E il fatto che io non abbia mai assaggiato una fetta di Carrot Cake, è decisamente un dettaglio.

Il piano – diabolico – era di prepararla con il frutto della mia coltivazione diretta.

Peccato che le mie carote baby siano sparite nell’attimo esatto in cui uscivano dalla terra, dopo una serie di scene imbarazzanti che devi provare a tirar fuori una carota dalla terra per capire l’effetto che fa.

Ho deciso che era giunto il momento, quando ho letto l’ultima Carrot Cake raccontata da Giulia, con la sua scia di ricordi, la storia delle sue Carrot Cake e quelle immagini raccontate di Londra che in questo periodo cosavelodicoafare.

E quindi sono tornata sulle mie pagine a quadretti, ho recuperato tutte le Carrot Cake che mi sono segnata nella vita e ho deciso per.

Carrot Cake - Recipe

Volevo una torta senza glassa. Una torta da colazione, da lasciare in dispensa coperta con una campana di vetro, che se ti viene da mangiare una fetta per merenda la tagli ed è fatta.

Alla fine ho provato una delle versioni proposte da Martina e il risultato è stata la mia Carrot Cake preferita. Certo, è l’unica che io abbia mai assaggiato, ma da qualche parte bisogna pur cominciare.

E poi Londra. Rieccomi.

Girerò Londra alla ricerca di un paio di anfibi e di una fetta di Carrot Cake.

Passerò il mio periodo londinese in famiglia, immersa nello spirito british come un cake pops nel cioccolato fondente.

Faccio il tifo per trovare una padrona di casa che sforni Carrot Cake come non ci fosse un domani e conservi la ricetta segreta tramandata dalla nonna su un quaderno sporco di burro e cioccolato, appoggiato sulla seconda mensola della dispensa.

Ci ho pensato stanotte e credo che farò così.

Mi presenterò alla porta di quella che sarà la mia residenza londinese per due settimane e con gli occhioni che brillano, nel mio inglese tremendo (immaginatemi come Totò in Piazza Duomo davanti al Ghisa) dirò:

“Buongiorno sono Sweetie. Ha mica una ricetta segreta di Carrot Cake che vuole raccontarmi?”

Lovvo un tot.

5.0 from 3 reviews
Carrot Cake
Autore: 
Porzioni: stampo da 20 cm
 
Ricetta tratta da http://www.trattoriadamartina.com
Cosa vi serve
  • 2 uova medie
  • 250 gr di zucchero
  • 250 gr di farina 00
  • 30 gr di fecola di patate
  • 100 gr di farina di mandorle
  • 100 gr di latte
  • 300 gr di carote grattugiate
  • 60 gr di olio di semi di arachidi
  • mezza bacca di vaniglia
  • 8 gr di lievito (1/2 bustina)
  • un pizzico di sale
Mettiamoci al lavoro
  1. Lavorate nella planetaria o con le fruste elettriche le uova insieme allo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
  2. Aggiungete le carote grattugiate finemente e strizzate e le mandorle tritate, ridotte a farina.
  3. Mescolate a mano, con una spatola, dal basso verso l'alto per non far smontare le uova.
  4. Aggiungete il pizzico di sale, l'olio, il latte, i semi di vaniglia e infine la farina setacciata con il lievito e la fecola di patate.
  5. Versate il tutto in una tortiera imburrata e rivestita di carta forno e fate cuocere per 45 minuti circa a 180° (fate la prova dello stuzzicadenti per verificare che sia pronta)

 

Ma quante cose vi racconto oggi? Promesso che adesso chiudo e me ne vado.

Se volete provare una torta di carote e cercate ispirazioni, ecco qualche ricetta di quelle che mi sono segnata nel tempo:

Pin It
Print Friendly, PDF & Email

Qualche idea in più:

10 pensieri su “Carrot Cake

  1. Manuela

    Ti immagino, con i tuoi occhioni brillanti, se fossi la padrona di casa ti accoglierei con un abbraccio e ti tirerei per la giacchetta in cucina per iniziare subito a infilare il naso dentro la farina e i ricordi di quel vecchio taccuino.
    Che le tue carotine siano finite prima di diventare parte di questa torta è solo un dettaglio felice, per te e per me che amo chi si impegna ad accudire un piccolo orto…saltelliamo ancora per un po’,magari con una fetta di torta tra le mani 🙂

    Replica
    1. Sweetie Autore articolo

      Io invece sono più dell’idea che la padrona di casa possa pigliarmi per matta e forse il mio pessimo inglese mi verrà in aiuto… Non sapersi spiegare, tacendo certi dettagli, potrebbe tornare utile! :))))
      Sulle carote invece non serve dire niente, dico orto e ti penso, quindi sai già tutto prima ancora che lo scriva.
      Saltelliamo, che la fetta di torta sta già ballando sul posto 🙂

      Replica
  2. Martina

    ehi! Grazie di aver provato la mie versione di carrot cake!! Sono norata che fra tutte tu abbia scelto proprio la mia! Sono contenta anche ceh ti sia piaciuta..buona ricerca a Londra: fatti dare un sacchissimo di ricette e poi ce le spacci! un bacio, Martina
    p.s. complimenti pe ril blog!

    Replica
    1. Sweetie Autore articolo

      Figurati, grazie a te, è deliziosa! :))))
      Per Londra invece… non vedo l’ora di partire! E stai certa che ogni volta che ne avrò la possibilità interrogherò i “locali”! :))) Grazie ancora e a presto!

      Replica
  3. Francesca P.

    Mammamia quante cose mi fai tornare in mente da quando mi hai detto che andrai a Londra e pure in famiglia… che io ero quella che preferiva il college, un po’ come nei vecchi telefilm, ma il soggiorno in famiglia è così tenero, così da adolescente… sorrido a immaginare quegli occhioni con la carota al posto della pupilla e quell’accento inglese tremolante che deve essere come il mio – in più qui mettici pure l’accento romano e siamoaposto – e in effetti è molto da Totò…
    Oh Manu, ma lo sai che mi stai facendo venire una voglia di rituffarmi in quell’esperienza, anzi, meglio, di venire con te… e tornare un po’ piccola essendo però grande… concetto contorto come piace a noi… 😀
    Ovvio che mi piace un sacco anche la tua torta tonda tondissima con quelle spaccature che sembrano raggi di sole… me ne aspetto una preparata da lì, con foto al quaderno con la ricetta… 🙂

    Replica
  4. Miu

    Dì un po’… chi, chi… chi mai ti negherebbe la sua ricetta segreta? Con quale faccia poi potrebbe nuovamente guardarsi allo specchio grigiofumodilondra? Quale avido ingeneroso essere umano non vorrebbe condividere la sua colorata arancione cake?
    Sono basita. Io non posseggo una ricetta segreta, ma se vuoi la condivido lo stesso! u_u
    E comunque se questa è la più buona in assoluto (che dalla foto lo sembra anche più di un big tot) io proporrei un equo scambio! u_u
    Sai mai che a quella porta blu ti apre Hugh! u________u

    Replica
  5. francesca

    io adoro la carrot cake. la mia ricetta è un pelo diversa, ma questa la proverò sicuro.
    la mia è più carotosa 😉

    e nel dubbio sopra ci metto un frosting favoloso alla ricotta (montata) e zucchero a velo -e basta quando voglio farla light e panna (montata) quando la porto dagli amici.
    spettacolosa!!!!!!!!!!!!!!!!

    Replica
    1. Sweetie Autore articolo

      La prossima avrà di sicuro il frosting, l’ho assaggiata così a Londra e ne sono uscita pazza. Ho già la ricetta in tasca, come si dice prossimamente-su-questi-schermi :))))

      Replica
  6. francesca

    bravissima, la mia ricetta secondo te infatti da dove viene???? 😉 😉
    ahhhhh Londra, Londra!
    (anche se quella original prevde il formaggio spalmabile, io la preferisco più in versione nostrana, quindi più dolcina appunto.. spettacolo!

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: