Dolci

Torta vegana al cacao e fava tonka

Torta vegana al cacao e fave tonka

In bilico tra quella che alcuni potrebbero considerare un’estrema forma di schizofrenia e ciò che altri potrebbero vedere come un irrefrenabile desiderio di votarsi alla sperimentazione e alla scoperta, l’altra sera mi sono messa in cucina e in ordine sparso ho preparato:

  • il primo esperimento di Cheesecake Brownies ovvero l’incrocio tra i brownies e la cheesecake, una carrellata di burro, cioccolato, uova, farina, zucchero, cacao, philadelphia, burro… l’ho già detto burro? e cioccolato, l’ho già detto? Ecco cioccolato magari conviene ripeterlo perchè ce n’è proprio tanto. E si, avete capito bene, ne seguiranno altre versioni, e presto avrete mie notizie.

e poi come se nulla fosse:

  • la mia prima torta vegana che in fatto di ingredienti sta tutta sulle dita di una mano: farina, zucchero, acqua (ommioddio!!!!), cacao e olio di semi di girasole

Vi chiedo un parere spassionato, secondo voi è grave?

Ma chi doveva dirlo che mi sarei trovata a pubblicare ricette per il Meat Free Monday e a preparare addirittura una torta vegana? Non che sia mai stata una carnivora incallita, ma nemmeno ho mai pensato di abbandonare il consumo di carne e pesce, per dire eh. Intanto però mi si è aperto un mondo.

In realtà tutto è iniziato proprio con il Meat Free Monday e con il bellissimo ricettario firmato famiglia Mccartney (e giuro che non mi stanno pagando sottobanco con i vinili dei Beatles!) che propone di sposare questa campagna suggerendo un menù vegetariano, dall’antipasto al dolce, per ogni settimana dell’anno. Nuovi ingredienti, nuove combinazioni e soprattutto il gusto della scoperta.

E quindi ho sfornato un gratin di cavolfiore al formaggio di capra da leccarsi i baffi, la pie di verdure più gustosa che abbia mai assaggato, mi sono chiesta che sapore avesse la quinoa ed ora eccomi qui con la mia prima torta 100% veggie.

Non vi sembra bellissima?

Torta vegana al cacao e fave tonka

Che poi, la ricetta non è mica mia. L’ho trovata leggendo la strepitosa Maghetta che se non sapete chi è, fate penitenza, e poi filate dritti a scoprirla.

Cos’altro dire su questa dolcezza?

Tutto ciò che vi serve per prepararla è una ciotola abbastanza capiente per contenere tutti gli ingredienti e delle fruste elettriche.

Io ho aggiunto della fava tonka grattuggiata (leggete sotto per saperne di più), ma potete aromatizzarla con le spezie che preferite, oppure lasciarla così com’è.

Ho già in mente di prepararla di nuovo utilizzando dello zucchero di canna scuro e della farina integrale.

Non credo ci sia molto altro da aggiungere. Piuttosto, che è buona e morbidissima da non crederci ve l’ho già detto?

4.5 from 2 reviews
Torta vegana al cacao e fava tonka
Autore: 
Porzioni: teglia 18 cm
 
Cosa vi serve
  • 275 gr di farina 00 o integrale
  • 1 bustina di lievito (16 gr)
  • 230 gr di zucchero (anche di canna)
  • 135 ml di olio di girasole (anche olio di soia o di oliva)
  • 350 ml di acqua
  • 60 gr di cacao amaro
  • vaniglia o cannella o altra spezia (per me fava tonka)
Mettiamoci al lavoro
  1. In una ciotola capiente lavorate tutti gli ingredienti con lo sbattitore elettrico fino ad ottenere un composto omogeneo
  2. Cuocete in forno già caldo a 175 gradi per 45 minuti circa (io ho impostato inizialmente 30 minuti ma la prova dello stuzzicadenti non ha lasciato dubbi sulla necessità d prolungare la cottura. Se anche i tempi di cottura dovessero allungarsi - può dipendere dal forno - vedrete che la torta resterà morbidissima con una piacevolissima crosticina in superficie)

 

Visto che l’ho usata per la torta, conoscete la fava tonka?

La pianta che produce le fave tonka (Dipteris odorata) appartiene alla famiglia delle Favacee. Originaria del Venezuela, cresce anche sui versanti della valle di Caura in Colombia, oltre che in Amazzonia, in Guyana e nell’isola di Trinidad.

È un albero che raggiunge nell’età adulta l’altezza di 25 metri e il diametro di circa l metro. I frutti, che sembrano piccoli manghi, si raccolgono a piena maturazione. Fatti essiccare per un anno, assumono l’aspetto di piccole patate rinsecchite; all’interno ci sono due semi oblunghi, lunghi da 3 a 4 centimetri e larghi 1 centimetro: le fave tonka.

Fresche, le fave sono lisce e marroni; quando invecchiano, la parte esterna diventa nera e rugosa. La mandorla interna è bianca, all’apparenza grassa e untuosa: grattugiata, sprigiona un  caratteristico odore erbaceo di fieno-vaniglia-miele (l’essenza aromatica si chiama cumarina, da cumarù, il nome delle fave nelle zone d’origine).

A volte, i semi essiccati vengono messi a macerare nel rum per due o tre giorni; poi, sono fatti essiccare nuovamente, finché la superficie si ricopre di una cristallizzazione bianca, simile a brina, ricca di olio essenziale. Questo procedimento accentua l’aroma di cumarina della fava tonka.

In passato la fava tonka era utilizzata soprattutto in profumeria, mentre il suo uso come spezia da cucina è relativamente recente, anche se c’era chi ne faceva un adulterante dell’estratto di vaniglia. Nelle zone d’origine, e presso alcuni chef raffinati, è usata nella preparazione di creme dolci e salse; come la noce moscata, va aggiunta in quantità minime. E un sapore ancora poco sfruttato, che conferisce al piatti un tocco esotico. [Fonte Taccuini Storici]

Vi consiglio…

Avete una passione sfrenata per le mandorle? Leggete la ricetta in versione Vegan Chocolate Almond Cake che propone Manuela

Pin It
Print Friendly, PDF & Email

Qualche idea in più:

22 pensieri su “Torta vegana al cacao e fava tonka

    1. Sweetie Autore articolo

      Ciao Laura!
      La trovi dove vendono le spezie, non è così frequente, a me è capitata sotto mano in una fiera ed ero curiosa di provarla. In ogni caso, senza uscirne pazzi, secondo me ci sta una meraviglia anche la vaniglia! ^___^

      Replica
    1. Sweetie Autore articolo

      Sarà bellissima, ne sono certa! ^___^
      E fammi sapere che ne pensi, così poi scriviamo a Maghetta di GiKitchen (fonte del paciugo) e le facciamo una menzione d’onore!

      Replica
  1. Megarahwitch/La Strega

    Sostituendo la farina 00 con quella di riso (o 50% riso e 50% mandorle) la torta sarebbe anche gluten free… Faccio sapere come viene non appena la provo! XD

    Fava di tonka ottima, ma difficilina da trovare… Io sto pensando se utilizzare la vaniglia o il cardamomo.

    Comunque, ricetta bellissimissima!!

    Replica
    1. Sweetie Autore articolo

      Ecco, 50% di riso e 50% di mandorle mi piace assai. Se ti serve qualche fava tonka fammi un fischio che ne ho una boccetta, io comunque voto la vaniglia ^_____^

      Replica
  2. Noemi - Baci di Dama

    Carissima!! 🙂 hai ragione è bellissima questa torta! Me la sto mangiando con gli occhi! *.*
    Se non ti dispiace ho bellamente scopiazzato questa ricettina.. ho della fava tonka ancora non utilizzata e mi hai incuriosito con questo esperimento! Un abbraccio e complimenti come sempre!! 🙂

    Noemi

    Replica
  3. Manuela

    All’inizio l’ho vista e ho pensato fosse un bellissimo cuscino ^_^
    Va bene stavo scherzando,ma la voglia di tuffo mi è rimasta da allora,quindi, dato che i taralli di questo pomeriggio non mi hanno impegnata poi tanto credo che procedero con la torta vegana,magari con la farina di mandorle che mi piace da morire!
    Un bacio
    Manu

    Replica
  4. piccolavale

    Buonissima questa torta!!!! Io ho messo cannella e zenzero ed è una favola!!!
    Ciao
    Vale

    p.s. seconda ricetta tratta dal tuo blog, secondo successo con il maritino…un ottimo risultato!!!

    Replica
  5. Robi

    Anche questa superapprovata! Ho usato la vaniglia…. goduriosa!!!! e supercioccolatosa, sembra molto più carica di cioccolato di quanto ne abbia in realtà!! BUONISSIMA!!!!!!!!!!!!!!!!
    Grazieeeee :)))

    Replica
  6. discount quinceanera dress blue

    Hello! My partner and I frequently publish guest posts for other website owners to help gain exposure to our work, as well as provide great content to blog owners. It truly is a win win situation! If you are interested feel free to email me at: mailto:timklein@live.fr” timklein@live.fr so we can communicate further. Thanks!

    Replica
  7. frapepe

    è FAVOLOSA!
    NEL GIRO DI 2 SETTIMANE L’HO GIà FATTA 2 VOLTE!

    aromatizzata alla cannella o con una bella scorzetta di arancia -bio of course!-
    io ho usato mezza farina di kamut e mezza di grano saraceno ed è wow!

    bravissssssssima!

    altre torte veg, altre torte veg!

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: