Flan di spinaci

Flan di Spinaci

Sono a caccia di punti e a capo.

In balia di troppi punti di domanda e di una serie di parentesi aperte che é come quando inizi un discorso e poi perdi il filo, sono alla ricerca di un punto a capo che continua a sfuggirmi.

Poi mi dico che sono qui per un flan di spinaci e quindi lasciamo stare le parentesi.

Flan di Spinaci - Ingredienti

Mi sto affezionando alle foto con tutto quello che serve per. Di nuovo la tovaglia bianca sul pavimento. Di nuovo a giocare con gli ingredienti e le ciotoline.

Questa volta sono spinaci, ricotta e feta. Roba buona insomma.

Se arrivate a sera e ancora state cercando il vostro momento di felicità provate con questi.

P.S. Alla foto piaceva una fettina di pancetta in cima, ma state sereni che questo flan di spinaci vive benissimo anche senza. In questo caso, buon Meat Free Monday

Flan di spinaci
Autore: 
Porzioni: 4 cocotte
 
Cosa vi serve
  • 70 gr di cipolla
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine
  • 200 gr di spinaci
  • 4 uova
  • 250 gr di ricotta (per me di pecora)
  • 100 gr di feta
  • qualche fettina di pancetta (facoltativa)
Mettiamoci al lavoro
  1. Mondare la cipolla, tagliarla finemente e passarla in padella per qualche minuto, con un cucchiaio di olio.
  2. Togliere la cipolla dal fuoco e usare la padella per far saltare gli spinaci. Cuocere per qualche minuto e aggiustare di sale.
  3. Far raffreddare gli spinaci e strizzarli con cura in modo da fargli perdere l'acqua.
  4. In una ciotola rompere le uova e unire la ricotta, la feta sbriciolata, la cipolla e gli spinaci tagliuzzati finemente.
  5. Amalgamare tutti gli ingredienti, prima di trasferirli in cocotte monoporzione precedentemente imburrate e spolverizzate di farina.
  6. Far cuocere in forno già caldo a 180 gradi per 30 minuti circa.
  7. I tortini possono essere serviti aggiungendo in superficie qualche fettina di pancetta, passata di padella.

Pin It
Print Friendly, PDF & Email

15 pensieri su “Flan di spinaci

  1. Alessandra

    Manuela, hai ragione! Le foto con tutti gli ingredienti sono deliziose. Come i tuoi piccoli flan, così semplici ma sostanziosi, da risolvere un pranzo o una cena! 🙂
    Ho appena scoperto il tuo instagram e il tuo Poldo!! <3

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Delle volte mi piglia la fissa per… ed è la fine! ^^
      Ci troviamo su Instagram allora che non ho ancora capito se è più mio o più di Poldo! 😛

      Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Devo dire che queste divagazioni salate piacciono pure a me. Certo, tutta roba golosa tipo un biscotto al cioccolato, ma facciamo finta di niente 🙂
      E sulla pancetta non oso contraddirti… mi pare che tu sappia il fatto tuo!
      (prima o poi si chiuderanno queste benedette parentesi no? alla fine sono quelle che non fanno tornare i conti… e comunque un abbraccio a te che sai sempre leggere, anche tra una parentesi e l’altra <3 )

      Rispondi
  2. Martina

    Con queste messe in opera stai dando il meglio di te!
    Il punto potrebbe anche trovarsi nel bel mezzo di questo “flanvoloso”! Un morso e son sicura che tutto passa oltre, anche al capitolo seguente.
    Con l’acquolina in bocca ti saluto e ti auguro una bellissima giornata.
    ps: non sta molto in tema con il post, ma ti volevo dire che ho fatto i tuoi biscotti con la farina di farro (aggiunto in più solo una grattatina di scorza di limone) …. hanno fatto faville!!! 🙂

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Grazie! Piacerebbe un tot che fosse sufficiente un morso al “flanvoloso” … io comunque il morso glielo do che non si sa mai ^___^
      ps: e a proposito di morsi, quei biscotti che dici capitano a proposito! Sono contenta ti siano piaciuti 🙂

      Rispondi
  3. simo

    i tuoi post mi son sempre piaciuti, lo sai…ultimamente ancor di più!
    Questo flan….s’ha da fare!!!!
    un abbraccio e buon inizio settimana

    Rispondi
  4. Francesca

    Io sono un’esperta e un’affezionata di parentesi. Ci puoi inserire tutto quello che vuoi, un po’ come gli impasti. Mi piace aprirne una, poi due, poi tre… e chiuderle solo se mi va. Alcune restano appese, come mele sul ramo. Amo quelle graffe perchè ci vedo un naso e un profilo, mentre quelle quadre sono rigide, poco sorridenti e secondo me non mangiano pancetta…
    Ai punti e a capo dico nè sì nè no, ma nì. Perchè a volte sono necessari, è vero, ma la penna tende a deviare sul foglio… e a scrivere tanti altri punti. Ecco, dentro i puntini di sospensione nuoto meglio, mi sento a mio agio. Forse perchè le porte chiuse per sempre, insomma, non è che mi vadano a genio… io tifo per lo spiraglio, o almeno ci spero.
    Tra parentesi, appunto, in tutto ‘sto discorso, mi specchio nel tuo bianco, sorrido alla cocotte e strizzo l’occhio al flan, che è mio amico.

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      E io che ti pensavo guardinga con le parentesi, un po’ come con i numeri… Anche a me sono sempre piaciute le graffe, le trovo artistiche, un disegno insomma.
      Le porte chiuse per sempre, invece, sono tremende. Niente spiraglio. Ma alla fine il bianco resta sempre bianco, giusto? E un sorriso alla cocotte non si nega mai ^^

      Rispondi
  5. Valentina

    Splendide le foto in nuova modalità, soprattutto quella delle formine per biscotti. Non ci credari ma il giorno dopo ho acquistato coniglio, farfalla, uovo e fiorellone…
    Io sono nel bel mezzo di una parentesi troppo grande per me di quelle che ti lasciano con il fiato sospeso o con un pugno nello stomaco…temo di aver scoperchiato il famoso vaso di pandora…
    Non riesco più a scrivere sul blog anche se continuo a cucinare…ma adoro leggerti!
    Grazie della compagnia!

    Valentina

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Sono per l’acquisto compulsivo di formine tagliabiscotti e quindi non posso che approvare!
      Ti mando il più grosso in bocca al lupo per la tua parentesi e faccio il tifo da qui ^^
      C’è un tempo per ogni cosa, l’importante è “sentire” quello che si sta facendo. Un abbraccio Valentina, mi ha fatto troppo piacere rileggerti!

      Rispondi
  6. Margherita@lapetitecasserole.com

    Tu ti stai affezionando all foto di tutto quello che serve e a me piace un sacco! mi piacciono proprio tanto. Ho messo pure un punto, qui secondo me ci stava. Questi flan mi piacciono proprio, mi sto affezionando in modo pericoloso alla feta, ma in versione flan non l’ho ancora provata… non posso non provare prima di riassestare l’equilibrio di questo rapporto, non credi?

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      E’ fuor di dubbio che la feta in questo flan meriti un punto. Proprio una certezza. Da provare assolutamente.
      Un punto oppure una puntina. Come quelle che uso per fissare sulle bacheche i to-do assolutamente e i da-non-dimenticare-per-niente-al-mondo.
      Ora che ci penso, devo assolutamente comprarmi una lavagna. Ho perso il filo del discorso vero? 😀

      Rispondi
  7. Tulla

    Ma che buono. Lo provo di sicuro! Anche perchè non amo gli spinaci ‘al naturale’, ma in questo flan con ricotta e feta ci stanno a meraviglia! 🙂

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: