Pasta frolla e biscotti

Pasta Frolla e Biscotti - Ingredienti

Una tovaglia bianca distesa per terra, una ciotolina per la farina, una per lo zucchero a velo, il piattino per il burro, la bacca di vaniglia e due uova. Un pizzico di sale che dimenticarlo é un attimo, ma serve anche quello e cercate di non scordarlo.

Si scrive pasta frolla, si legge mi sono divertita. E forse un po’ si vede.

Mi sono chiaramente fatta prendere la mano. Ho distribuito sul tavolo un tot di formine tagliabiscotti e ho pensato a come raccontarvi che in mezzo a tutto questo io mi sento a casa.

Biscotti_Tagliabiscotti copy

Pasta Frolla e Biscotti - Step By Step

Faccio finta di sapere quello che dico e vi racconto la ricetta che preferisco per preparare la pasta frolla. Ne esistono millanta, ognuno ha la sua. Tocca provarle un po’ tutte.

Tra una formina e l’altra, mi viene in mente di dirvi che:

  • potete aromatizzare la frolla con la buccia del limone o di un’arancia (mi raccomando bio) oppure con la vaniglia
  • per ricavare dei biscotti ben sagomati é fondamentale che la frolla sia fredda e ferma, sia per ritagliare biscotti precisi sia per conservare la forma durante la cottura. In questo modo non dovrebbe capitare che un gatto venga ad assomigliare a un cane
  • se volete tagliare la pasta con formine che presentano spigoli, angoli o curve azzardate può essere utile mettere a riposo la pasta non formando un panetto, ma stendendola già dell’altezza desiderata tra due fogli di carta forno. Tra una lavorazione e l’altra, sempre per lavorare una pasta fredda e ferma, valutate l’opzione freezer, giusto una decina di minuti
  • la pasta frolla non va troppo d’accordo con i 40 gradi di agosto ma con il giusto riposo e il supporto del frigorifero potete biscottare sereni anche d’estate. La campagna di sensibilizzazione non abbandonare il tuo forno d’estate vale sempre
  • le formine tagliabiscotti creano dipendenza. Potreste ritrovarvi a non saper dire di no a uno stegosauro o a un geco. Ma state sereni, è giusto così
  • lo zucchero a velo rende il biscotto più pastoso e compatto, quello semolato più croccante e bricioloso. Io preferisco utilizzare lo zucchero a velo
  • i biscotti si conservano perfettamente in una scatola di latta. Se ne preparate tanti, avrete qualche possibilità di farli durare quel tanto che basta per accorgervi che sono buonissimi anche dopo una settimana. Di più, non mi sono mai durati

IMG_4422-1-2

Avevo promesso un coniglio. E anche qualche gatto.

Alla fine è scritto anche lassù nel titolo. Un blog con gatti che saltano da tutte le parti. Per l’occasione ho aggiunto conigli, papere e tartarughe.

Ma che sapete voi, le tartarughe saltano?

Biscotti_Mix

E comunque, può anche darsi che non sia finita qui.

Ad esempio, avete idea dei millanta modi con cui potete rivestire una crostata?

Pasta frolla e biscotti
Autore: 
 
Cosa vi serve
  • 250 gr di farina 00
  • 100 gr di zucchero a velo
  • 150 gr di burro
  • 2 tuorli
  • i semini di ½ bacca di vaniglia oppure la buccia grattugiata di un limone o di un’arancia
Mettiamoci al lavoro
  1. In una ciotola capiente mescolate la farina e lo zucchero a velo.
  2. Aggiungete un pizzico di sale e la vaniglia.
  3. Aggiungete il burro a pezzetti e lavorate velocemente il composto con le mani, fino ad ottenere un impasto briciolo.
  4. Unite i tuorli al centro della ciotola e continuate a lavorare l’impasto fino ad amalgamare il tutto.
  5. Trasferite l’impasto su un piano di lavoro leggermente infarinato, dategli la forma di una palla e avvolgetelo nella pellicola. Fatelo riposare in frigorifero per almeno 2 ore. In alterativa potete stendere da subito l’impasto, tra due fogli di carta forno; in questo modo, dopo il periodo di riposo, l’impasto potrà subito essere lavorato evitando di surriscaldarlo.
  6. Riprendete l’impasto, stendetelo con il mattarello e ricavate i biscotti
  7. Fate cuocere in forno già caldo a 180 gradi per 15 minuti circa.

Pin It
Print Friendly, PDF & Email

16 pensieri su “Pasta frolla e biscotti

  1. francesca

    è la stessa ricetta che uso io, manu, uguale uguale 🙂 secondo me praticamente perfetta! se voglio farci una crostata però sostituisco lo zucchero a velo con quello semolato e, se il ripieno è umido, aggiungo anche un pochino di albume oltre ai tuorli. tu usi le stesse dosi anche per le crostate? baci e buon week end. Ps: ma quanto mi piace il tuo blog ^ _ ^

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Mi è capitato di farne sia in un modo che nell’altro. Sicuramente lo zucchero semolato rende tutto più croccante. Di solito con lo zucchero semolato, se voglio fare una base per crostata, seguo questa ricetta, credo molto simile alla tua ^^
      Farina 300 gr
      Burro 150 gr
      Zucchero 100 gr
      Tuorli 2
      Albume 1
      Scorza di limone grattuggiato
      Pizzico di sale
      Buon fine settimana anche a te!
      Ps: grazie! <3

      Rispondi
      1. francesca

        praticamente uso questa dose per i biscotti ^ _ ^
        per le crostate invece, dopo vari tentativi mi trovo alla grande con questa, comunque simile:

        300 gr di farina
        180 gr di burro
        100 gr di zucchero
        30 gr di uova intere
        15 gr di tuorli

        il risultato è croccante e perfetto per i ripieni umidi 😉

        Rispondi
  2. Nicol

    La pasta frolla è una dei pilastri della mia cucina.
    Di solito io la preparo con lo zucchero sbriciolato e, grazie al corso di pasticceria base, ho scoperto che esistono mille frolle diverse (milanese, romana, con lo zucchero semolato, con lo zucchero a velo, con la crusca, ecc…).
    Riguardo i modi per coprire una crostata, via libera alla fantasia! 🙂

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Ecco, un corso di pasticceria base mi piacerebbe tantissimo ^^
      Vogliamo parlare della frolla montata? E dei sablè? Sui modi per coprire una crostata sono in fase di studio. Ho il taccuino pieno di disegnino imbarazzanti che dovrebbero servire allo scopo 🙂

      Rispondi
  3. Francesca

    Rido sotto i baffi e ti dico grazie… sai perchè. Le papere tra l’altro sono un altro animale feticcio per la sottoscritta, lo hai anticipato senza saperlo! Con le tartarughe farò amicizia, perchè nuotano lente come me e portano sulle spalle una corazza dura (ma solo in apparenza) per difendersi.
    Sapevo che la tua collezione di formine mi avrebbe stupito, non sai quanto vorrei affondare le mani in ogni cassetto ed estrarre a occhi chiusi la prescelta… vedo anche un bel bottone, lo hai messo apposta così in evidenza? 😀
    Anche Ulisse detto Ciupi o Ciupiciupituttoattaccato si è gasato vedendo i suoi simili di frolla, se non ci sbrighiamo a mangiare i biscotti arriva prima lui! Quanto ai consigli sulla frolla alla Sweetie – perchè io voglio la tua – stampo il post e non sia mai che divento brava come nei sogni… 🙂 Se mai volessi aprire una biscotteria, lavo anche le ciotole, se mi vuoi!
    Un saluto a te, alle tue mani e alla bacca di vaniglia che è un 1 al contrario!

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Le papere e i gufi. Così chiudiamo il cerchio ^^
      E a proposito di formine, mancano ancora i timbri e le formine piccole piccole che fai un biscotto, spalmi di marmellata o di crema golosa e chiudi con un altro biscotto che ci guardi attraverso. Magari te le presento dal vivo 🙂
      E se mai volessi aprire una biscotteria, mi sa che saresti perfetta per la carta dei te, che dici? Poi le ciotoline le laviamo insieme tra una chiacchiera e l’altra che nemmeno te ne accorgi 🙂

      Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Tra gli stampini dei musi pelosi che ho, è quello che preferisco. E pensa che non riesco a ricordare dove l’ho preso.
      Ora che mi ci fai pensare, sarebbe il caso di tenere un piccolo diario per segnare la storia di ogni stampino. Ora che lo dico, mi domando come ho fatto a non pensarci prima.
      P.S. Ma perchè mi metti in testa queste idee? Che poi io lo faccio per davvero!!! ^^

      Rispondi
      1. Tulla

        Ma fai benissimo!eheh 😀
        Io sono più un’amante dei cookies che dei biscotti da stampino,anche perché non ne trovo mai di così carini! Ma ora che vado a Londra mi tengo la valigia mezza vuota per tutto quello che troverò.. 😉

        Rispondi
  4. Marta e Mimma

    I biscotti di frolla, quanto ci piacciono 🙂 sono un classico a casa, sono perfetti sempre e non riescono mai a stancarci. E quanto ci piace sentire quel pizzico di sale è indescrivibile 🙂 Adorabili gli stampini a forma di gatto, li vogliamo anche noi!

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Ho sempre avuto un debole per la frolla. Quando ero piccola, la crostata era il dolce che chiedevo per la festa di compleanno. E a dire il vero farei lo stesso anche adesso ^^

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: