Zuppe e Minestre

Vellutata di cavolfiore

Vellutata di Cavolfiore (42)

Trova una scala a chiocciola in ferro battuto, sali un gradino alla volta e fermati a guardare i tetti di Roma.

Nelle ore centrali del giorno, quando la luce è calda e la strada di sotto è chiassosa. Oppure di notte, sotto una pioggia fine, con la luce dei lampioni qua e là e poche chiacchiere in lontananza.

Racconta sogni a voce alta, compra del tè che profuma di fragola e rabarbaro e pensa a un menù colorato, cremoso e croccante.

Fai spazio al prossimo viaggio – che ormai ci siamo – alla sciarpa bordeaux che metterai in valigia e a un tot di parole li in mezzo.

É un autunno di vellutate e biscotti, burro di arachidi e cavolfiore come fossero sinonimi e contrari, incontri e parole che diventano occhi.

Alla fine toccherà riconoscere che hai ragione tu. Se ti piace, basta quello no?

Vellutate

PS E se vi piace l’idea di un autunno cremoso, guardate anche qui:

Vellutata di cavolfiore
Autore: 
 
La ricetta è tratta dal blog http://www.latartemaison.it
Cosa vi serve
  • 450 g di cavolfiore
  • 500 g di latte intero
  • qualche fetta di pancetta affumicata
  • 1 cipolla piccola
  • 15 g di burro
  • sale e pepe
Mettiamoci al lavoro
  1. In una padella capiente fate soffriggere con una noce di burro la cipolla tritata finemente. Versate il latte e portatelo ad ebollizione.
  2. Aggiungete il cavolfiore a pezzetti e fatelo cuocere per 20 minuti a fuoco medio, fino a quando non sarà cotto.
  3. Toglietelo dal fuoco e passate tutto con un frullatore ad immersione, fino ad ottenere una crema. Assaggiatela e aggiustate di sale.
  4. In una padella fate rosolare le fette di pancetta e aggiungetele a pezzetti sulla crema con una spolverata di pepe.
Pin It
Print Friendly

Qualche idea in più:

Biscotti

Cocoa Peanut Butter Cookies

Cocoa Peanut Butter Cookies

Non c’è come raccontare una vellutata di carote viola o i biscotti più sani del mondo, per voltare pagina a cuor leggero e affrontare senza alcun senso di colpa un barattolo di burro di arachidi.

É un autunno di vellutate e biscotti, carote viola condite con zucchero e cacao, taccuini dove incollo foto e idee e un tot di voglia di raccontare (me).

Oggi (vi) tocca un concentrato di burro e zucchero, di quelli che entrano in cucina senza nemmeno chiedere il permesso e in un attimo é profumo di peanuts nell’aria.

D’altra parte, poche cose al mondo sanno scrivere parole su un biscotto come il burro di arachidi. Dev’essere quella consistenza un po’ pastosa e quell’appiccicarsi alle dita che si tiene strette le consonanti e le vocali, i numeri e pure le percentuali.

Come certe parole che sembrano una calamita o certi viaggi che sono storie. O certi incontri. Che meglio di certi incontri, poche cose al mondo.

PS Se siete dell’idea che una volta aperto un barattolo di burro di arachidi, sia il caso di finirlo e togliersi il pensiero, ecco qualche consiglio:

4.0 from 1 reviews
Cocoa Peanut Butter Cookies
Autore: 
 
Ricetta tratta dal blog: http://kanelaylimon.blogspot.com.es
Cosa vi serve
  • 125 gr di burro
  • 125 gr di burro di arachidi
  • 70 gr di zucchero a velo
  • 100 gr di zucchero di canna
  • 1 uovo
  • 230 gr di farina
  • 20 gr di cacao in polvere
  • 1 cucchiaino di lievito
  • ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • un pizzico di sale
Mettiamoci al lavoro
  1. Nella planetaria o con le fruste elettriche sbattete il burro e il burro di arachidi con i due tipi di zucchero fino ad ottenere una crema.
  2. Aggiungete l'uovo e mescolate bene.
  3. Setacciate la farina, il cacao, il lievito e il bicarbonato e uniteli agli altri ingredienti. Aggiungete il pizzico di sale.
  4. Con l'impasto formate delle palline da 20 gr e schiacciatele con lo stampo da biscotti ben infarinato, Se l'impasto vi sembra troppo morbido, tenetelo in frigorifero per il tempo necessario ad ottenere un composto fermo e facilmente lavorabile.
  5. Cuocete in forno già caldo a 170 gradi per 12-15 minuti.
  6. Togliete dal forno e fare raffreddare su una griglia. Si conservano in un scatola di latta per diversi giorni.
Pin It
Print Friendly

Qualche idea in più: