Chocolate Chip Cookies (sempre loro, ma V.2.0)

Quello che state per leggere può avere due chiavi di lettura:

  1. la cucina è ricerca, perfezionamento, cura assoluta nella scelta delle materie prime e degli ingredienti
  2. la camicia con le maniche lunghe-lunghe e la chiusura sulla schiena farebbe al caso mio

Ormai diversi post fa, vi avevo parlato dei Chocolate Chip Cookies, della nostalgia canaglia per la Grande Mela e della ricerca per trovare la miglior ricetta, quella che li mozzichi e dici “eccoli, sono loro!”.

A un certo punto scrivevo: “L’altra cosa importante riguarda le gocce di cioccolato. Qui da noi sono una tristezza, non hanno niente a che vedere con le “pepite” di cioccolato che si trovano da loro. Meglio utilizzare direttamente una buona tavoletta di cioccolato fondente e tagliarla a pezzetti. Costa molto meno ed è tutta un’altra cosa”.

E’ tutto verissimo, le nostre gocce di cioccolato sono una tristezza, la qualità di una tavoletta di cioccolato fondente è tutta un’altra cosa, però mica si chiamano chocolate chip cookies per niente, no?
E qui arriviamo al bivio: ricerca e perfezionamento o camicia con le maniche lunghe lunghe?

Ebbene si, mi sono procurata le loro gocce di cioccolato.
L’ho detto.

Davide contro Golia, praticamente la versione al cioccolato de “I Gemelli” e non serve dire chi fa la parte di Schwarzenegger e chi quella di DeVito.
La ricetta è sempre quella, ma il risultato è proprio un’altra cosa.
La tavoletta di cioccolato fa polvere, il cioccolato si distribuisce e diffonde il suo aroma in tutto il biscotto, le gocce invece – quelle vere – sono fatte per restare compatte. Mordicchi il biscotto, non ce n’è traccia e poi… CIOCCOLATO!

E alla fine il risultato è questo qui:

Un’ultima nota sulle gocce di cioccolato tratta dal sito di Eurochocolate:
“Le gocce di cioccolato nascono negli Stati Uniti per apportare una gustosa modifica ai tradizionali biscotti. Esse contengono un quantitativo di burro di cacao inferiore al cioccolato tradizionale e possono essere di cioccolato fondente, al latte o bianco. Si tratta di un derivato del cioccolato, la cui forma a goccia si mantiene intatta e per questo ideale per l’impasto di un dolce, ma può essere anche sciolto a bagnomaria”

Lo dicevo io! ^_____^

E per finire, rieccovi la ricetta:

INGREDIENTI
125 gr zucchero
105 gr brown sugar (zucchero con melassa o “zucchero bruno”)
125 gr burro
1 uovo
220 gr farina
1/2 tsp bicarbonato di soda
1/2 tsp lievito per dolci
1/2 tsp sale
200 gr di gocce di cioccolato
130 gr noci tritati (facoltative)

Sbattete insieme il burro e i due tipi di zucchero fino ad ottenere un composto cremoso. Unite l’uovo e sbattete lentamente. In un’altra ciotola setacciate insieme la farina, il bicarbonato, il lievito e il sale, poi unite al composto di burro, uovo e zucchero. Mescolate bene e per ultimo unite il cioccolato a pezzetti e le noci tritate. Formate delle palline di impasto (circa 3 cm di diametro) e mettetele su una teglia foderata di carta forno ad almeno 5/6 cm di distanza l’una dall’altra. Preriscaldate il forno a 180°C e infornate per circa 12 minuti.

Pin It
Print Friendly, PDF & Email

10 pensieri su “Chocolate Chip Cookies (sempre loro, ma V.2.0)

  1. Rosmarina

    Ciao! Che voglia di riprovare a fare I cookies….. Grazie per questo post così preciso.
    L’unica cosa, in parecchi siti americani ho letto che i cookies vengono al meglio se si lascia riposare per molto tempo la pasta in frigo prima di formare i biscotti e infornarli – c’è chi dice anche 36 ore.
    Inoltre, forse è meglio specificare di formare le palline con l’affarino per il gelato o con un cucchiaio – usando le mani l’impasto si potrebbe scaldare e il burro sciogliersi.
    Al tempo, anch’io mi sono lanciata alla ricerca della Ricetta… I cookies sono un evergreen, c’è sempre un trucco nuovo da imparare. Per questo li amo tanto: sono la quintessenza della bakery americana, da un lato “sanguigna”, grezza, dall’altra di una precisione quasi alchemica se si vogliono ottenere i risultati estatici che tutti i veri amanti della pasticceria americana ricercano!
    http://rosmarina90.blogspot.fr/2009/09/cookie-cake-o-scelta-sandwich-cookies.html

    Rispondi
  2. Rosmarina

    Dimenticavo che la dritta delle gocce di cioccolato è stata una folgorazione: “La tavoletta di cioccolato fa polvere, il cioccolato si distribuisce e diffonde il suo aroma in tutto il biscotto, le gocce invece – quelle vere – sono fatte per restare compatte. Mordicchi il biscotto, non ce n’è traccia e poi… CIOCCOLATO!” Ma quanto hai ragione! Non ci avevo mai pensato, ma è fondamentale nel cookie lo “stacco” tra impasto e …CIOCCOLATO. Leggevo nei commenti che vengono dalla Francia, le tue gocce; davvero?? Mi diresti la marca o il supermercato dove trovarle? Caso vuole che mi trovi a vivere in Francia fino a fine giugno. Posso sempre fare scorta infinita da riportare a casa. 😉

    Rispondi
    1. Sweetie

      Appena torno a casa (sono in Belgio per un fine settimana all`insegna di speculoos, waffle, praline e tanta roba che fa ingrassare! ^___^) recupero il sito francese e ti passo l`informazione. Che piacere questo scambio di informazioni! Ci sentiamo al mio ritorno!

      Rispondi
    2. Sweetie

      Rieccomi! Ecco il sito che vende le gocce di cioccolato (e non solo quelle! ^___^): http://www.myamericanmarket.com
      Le gocce le trovi tra gli ingredienti per dolci, ti riporto il link perchè io le cercherei tra il cioccolato ^___^ http://www.myamericanmarket.com/it/home/ingredienti-per-dolci/hersheys-pezzi-di-cioccolato-semidolci
      Giustissima la precisazione sul fatto di non formare le palline con le mani per evitare di scaldare l’impasto. Io di solito le formo mettendo dei guanti, quelli in lattice per alimenti. Tenere l’impasto in frigo invece sarà il prossimo esperimento!

      Rispondi
  3. Profumodifragole

    Come hai ragione per le gocce!!!! Quelle commercializzate in Italia non sono la stessa cosa e si vede ad occhio anche senza assaggiare, io da castroni a Roma ho preso quelle nestle’ americane e sono decisamente meglio delle nostre per i C.C.C (chocolate chip cookies

    Rispondi
      1. Profumodifragole

        Da quello che ho capito di te dal blog ……ci “devi” passare e’ un ordine!!! hahaha.
        Scherzi a parte secondo me ne vale la pena c’e di tutto ed e’ il paradiso x chi cerca prodotti giusti per realizzare ricette della cucina americana e non solo , tipo le gocce giuste per i cookie come scrivevi in un tuo post.
        Vabbe’ ora ti saluto scusa le troppe chiacchiere alla prossima
        Ciao Bianca.

        Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *