Le Marais (Paris #2)

IMG_8205_600x900

La magia di certe città sta nel fatto che sono capaci di seguirti, tra una vita e l’altra, in tutte le pieghe che la tua anima può prendere.

Insieme a mille altre cose, Parigi è anche questo.

Si lascia vivere in così tanti modi diversi e sa indossare così tanti volti, da essere proprio quello che serve, in quel pezzo di vita in cui sei.

E ti segue. Ti asseconda, nei tempi e nei modi che decidi di darti. Senza nessuna fretta, come se per ogni cosa ci fosse a disposizione tutto il tempo del mondo.

IMG_8244_600x900

IMG_8236_600x400

Dimenticate per un momento le guide, le cartine e i consigli di viaggio.

Serve un pizzico di iniziativa e una buona dose di autocontrollo. Tenete a bada la smania che è sempre dietro l’angolo e non fatevi prendere la mano.

Smettete di leggere quello che vi sto raccontando – ma poi tornate eh! – e guardate solo le figure. Oppure aprite internet, chiedete di Parigi al Sig. Google e andate sulle immagini.

Ci trovate tutte le vite che vive Parigi. Frammenti, incroci, piazze, bistrot, locali, palazzi.

A quel punto non vi resta che scegliere. Perché si può andare a Parigi senza salire sulla torre Eiffel – giuro! – o senza percorrere chilometri nei corridoi del Louvre (stare occhi negli occhi con l’autoritratto di Van Gogh invece rientra nel non-si-può-tornare-da-Parigi-senza).

Quella del Louvre e della Torre Eiffel – o quello che vi pare a voi – potrebbe essere un’altra Parigi, magari quella della prossima volta.

IMG_8235_600x900

Dopo i colori dei mercati, ecco un’altra faccia della mia Parigi, quella più intima che non conosce boulevard e nemmeno le piazze che ci pensi un attimo prima di capire da che parte prenderle. E’ la Parigi che si lascia scoprire in piccole vie, da percorrere esclusivamente a piedi, tra un negozio di antichità e una libreria. Poco più avanti un cafè, di quelli che ti fermi e scrivi. E se ti butta bene inventi nuove parole.

Sulla riva destra della Senna, trovate le Marais, un quartiere racchiuso tra l’Hotel de Ville, la Senna e place de la Bastille, un quartiere che non ha subito le trasformazioni ottocentesche del barone Haussmann, mantenendo l’architettura pre-rivoluzionaria.

IMG_8109_600x400

Fermatevi in Place des Vosges. Trovate una panchina sotto gli alberi, scegliete le note giuste e gustatevi il tempo che scorre.

IMG_8270_600x900

IMG_8268_600x900

IMG_8265_600x900

Tra rue des Rosiers, rue Vieille du Temple e rue Pavée è insediata una delle più importanti comunità ebraiche della città, e nei negozi e nei ristoranti di questo angolo di quartiere si trovano molte specialità tipiche. Se avete voglia di un falafel, siete nel posto giusto.

IMG_8232_600x900

Il Marais è uno dei quartieri più alla moda della città. Tante boutique di giovani stilisti emergenti, molti locali di tendenza, raffinate pasticcerie e laboratori di maitre chocolatier, negozi di antiquariato. Macaron di Pierre Hermè. Ops.

IMG_8124_600x400

IMG_8123_600x900

IMG_8122_600x900

Clipboard01_600x900

Segnatevi anche il Memorial della Shoah e il Museo Picasso che dovrebbe riaprire alla fine di quest’anno.

In mezzo a queste vie mi ci sono ritrovata più volte. Alla fine, anche a Parigi, per capire quale strada prendere, basta ascoltarsi. Deve essere uno di quei principi generali che vale sempre e a prescindere. Come un biscotto al cioccolato che è per sempre e non c’è storia che tenga.

E comunque, il viaggio non é finito. Se vi va, possiamo fare un altro tratto di strada insieme.

Pin It
Print Friendly, PDF & Email

12 pensieri su “Le Marais (Paris #2)

  1. andrea

    Bellissimo post, bravissima a vedere ed a trasmetterci tutte quelle piccole sfumature che Parigi ci regala…….. basta solo saperle cogliere e tu lo hai fatto benissimo , come sempre. A presto ed ancora complimenti.

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Ti ringrazio molto! Scoprire una città, prendersi tutto il tempo che serve per gustarsela, scattare foto su foto… è una meraviglia vera per me. Diciamolo… è una meraviglia per tutti! 🙂
      Bisogna solo trovare il modo per farlo più spesso! 😛

      Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Grazie mille Claudia!!!!
      Su queste cose sono un disastro, mi segno di rispondere e poi finisce che lascio lì. Ci provo ok? 🙂
      Se non altro perché mi piace moltissimo quello che fai e un riconoscimento da parte tua mi fa davvero piacere, ma di quel davvero che è davvero sul serio e non buttato lì insomma.
      Sul fronte biscotti potete stare sereni… ho una serie di biscotti in cantiere che stanno scalpitando per uscire allo scoperto!
      A presto!

      Rispondi
      1. GranoSalis

        Ehi, ma sono contenta di farti così piacere! Per quanto riguarda continuare la catena, beh, è totalmente facoltativo, se non lo fai non si offende nessuno 🙂 Il tempo è poco e le cose da fare milioni, quindi nun ce pensà!
        Un bacione e grazie dei tuoi apprezzamenti, gongolo %-)

        Rispondi
  2. Francesca

    Eh no, così non vale… mi assento un pò per lavoro, poi torno qui, a fare un giro e… mi porti in uno dei miei quartieri preferiti, nella mia piazza del cuore, che vista con questa luce è ancora più magica… gli occhi sfarfallano di gioia, perchè le foto hanno la forza di trascinarti via dal posto dove sei e di proiettarti nell’altrove desiderato… che dici, stasera dove andiamo a cena? Bistrot o creperie? Che fame… di Bellezza.

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Leggo il tuo commento e sorrido, ripensando a quella piazza piena di luce. Pensa che l’ultima volta che ero stata a Parigi non ci ero nemmeno passata, pessima Sweetie, come dico io
      Se l’invito è ancora valido oggi andrei di bistrot, di quelli con il menù scritto sulla lavagna. Un tavolino vicino alla finestra così c’è un sacco di luce.
      (…) segue un interminabile sospiro (…)
      Ma a un certo punto se ne esce vero? 🙂

      Rispondi

Rispondi a Sweetie Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *