Patate con pere e Roquefort

Patate con pere e roquefort

Scrivo su una tastiera che porta i segni della farina e del burro, dovreste vederla.

Basta buttarci un occhio per accorgersi che la T ha assaggiato un biscotto e che la K ha stampato in fronte le impronte digitali dell’ultima frolla.

Cerco parole che faticano ad arrivare e sicurezze che forse non ho mai avuto.

Sono tutti i quaderni a quadretti che ho rimesso nel cassetto per la grafia incerta dei primi caratteri e quei due numeri con cui litigo da troppo tempo.

E nonostante quel pezzo di vita, passato a litigare con un’immagine riflessa, sono qui a raccontare immagini. Sono fatte di burro e farina, che delle volte la vita é il destino che si diverte.

Come quando ti offre un’occasione che non sai da che parte prendere, ma non è questa la cosa che conta.

La combinazione patate e Roquefort mi ricorda Parigi ed è buona a prescindere. La combinazione Roquefort e pere non la commento nemmeno. Coccolatevi con questa non ricetta e tornate ad accendere il forno, che là fuori è arrivato l’autunno.

E in mezzo a tutto questo, ci sta anche un buon Meat Free Monday

5.0 from 1 reviews
Patate con pere e Roquefort
Autore: 
Porzioni: 2
 
Cosa vi serve
  • 2 patate a pasta gialla
  • 1 pera piccola
  • 50 gr di Roquefort
Mettiamoci al lavoro
  1. Sbucciate le patate e tagliatele a fettine non troppo spesse.
  2. Coprite una teglia con della carta forno e distribuite le fettine di patate sovrapponendole leggermente così da creare due rettangoli
  3. Sbucciate la pera e tagliatela a cubetti piccoli.
  4. Distribuite sulle patate la pera a cubetti e il formaggio sbriciolato (tenete il formaggio al centro per evitare che finisca sui bordi sciogliendosi).
  5. Fate cuocere in forno già caldo a 180/190 gradi per 20 minuti o fino a quando le patate non si saranno dorate. Usate il grill per qualche minuto, se necessario

Pin It
Print Friendly, PDF & Email

19 pensieri su “Patate con pere e Roquefort

  1. Alice

    Buonissima e veloce…l’ideale per le cene autunnali, con una sfumatura di ricordo per il roquefort assaporato in Francia questa estate.
    P.S.: se la tastiera del pc potesse parlare…mi citerebbe in giudizio per maltrattamenti!:-)

    Rispondi
      1. Alice

        Ahahah, hai ragione…ma per fortuna sono tutti ricordi belli che posso toccare con mano!
        Ricetta sperimentata ieri sera con amici, golosissima e graditissima! L’unica pecca è aver tagliato le patate un po’ troppo spesse, e quindi erano rimaste un po’ durette. Un’ottima ragiona per rifarla presto. 😉

        Rispondi
        1. Sweetie Autore articolo

          Sono contenta che vi sia piaciuta! Si, le patate non vanno tagliate spesse, così cuociono prima e fanno quel croccantino che sai meglio di me! 😛

          Rispondi
  2. valentina

    Bboone ste patate!! le farò presto …. Parigi, la Francia mi mancano da morire chissà in attesa del prossimo viaggio inonderò la casa del loro profumo!

    Rispondi
  3. Francesca Palmieri

    La mia G sa di sale affumicato e la B di cannella… se mi avvicino meglio, forse riesco a sentire pure lo zenzero sulla L… beh, sono tastiere speciali. Non trattengono solo parole e ricordi…
    “Delle volte la vita è il destino che si diverte”… brava scrittrice, è davvero così. E ci invoglia a sbucciare pere e a svaligiare negozi che vendono formaggi francesi… nel mio frigo c’è un odore forte di capra, come mai secondo te?

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Ho un debole per la tua tastiera, oltre che per il tuo gatto, ma quella è una specie di deformazione professionale.
      Stasera verdure al vapore, un filo di olio a crudo, un pizzico di sale della camargue e chèvre chaud.
      Manca giusto una baguette ^^

      Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      E poi oltre alla giusta combinazione di sapori, c’è anche il giusto mix di consistenze tra le patate appena croccanti sui bordi e le pere. Cioè… mettono fame!

      Rispondi

Rispondi a Megarahwitch/La Strega Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: