Crema di cipolle

Crema di cipolle

Mi piace l’autunno e più ancora l’inverno.

Da sempre faccio a pugni con i vestiti sbracciati. Adoro le sciarpe, quelle lunghissime che sono un abbraccio e le calze di lana che ci cammini senza fare rumore.

Manco di senso dell’orientamento e mi perdo in un attimo, con dedizione e metodo.

In questi giorni, tra le uova e la farina, ho impastato malinconia a pizzichi, e mi sono riempita le mani di mandorle. Ho scattato foto a mezz’aria e mi sono arrampicata sul tavolo, fino a trovare l’immagine che avevo in mente.

Un colore per stanza o una casa tutta colorata di bianco. Un cassetto di sciarpe lunghissime e uno di calze di lana.

Faccio i conti con i sogni e li chiamo progetti. E ai conti che non tornano penseremo domani.

5.0 from 3 reviews
Crema di cipolle
Autore: 
Porzioni: 4
 
Ricetta tratta da Elle A Tavola
Cosa vi serve
  • 1 kg di cipolle dorate
  • 2 patate grosse
  • 4 foglie di alloro
  • 2 cucchiai di farina
  • 1 litro di brodo vegetale
  • pane a fettine
  • formaggio di capra
  • una noce di burro
  • sale e pepe q.b.
Mettiamoci al lavoro
  1. Sbucciate e affettate le cipolle e le patate e fatele rosolare in una casseruola insieme al burro e all'alloro.
  2. Spolverizzate le verdure con la farina e fate cuocere per qualche minuto.
  3. Coprite con il brodo, abbassate la fiamma al minimo e fate cuocere fino a che le verdure non sono tenere (25/30 minuti circa).
  4. Verificate la cottura e aggiungete del brodo, se necessario.
  5. Una volta che le verdure sono cotte, tenete da parte le foglie di alloro, e passate il resto con il frullatore ad immersione.
  6. Regolate di sale, se necessario, e aggiungete una bella macinata di pepe.
  7. Tagliate il pane a fettine, aggiungete sopra a ogni fetta del formaggio di capra e mettete tutto sotto il grill, per qualche minuto.
  8. Servite la crema con i crostini e le foglie di alloro

Pin It
Print Friendly, PDF & Email

17 pensieri su “Crema di cipolle

  1. Giulietta | Alterkitchen

    Adoro le zuppe che hanno qualche elemento dorato, ripassato nel forno.. non so, mi danno l’idea di essere più golose.
    La crema di cipolle mi manca.. mia mamma fa una zuppa di cipolle da strapparsi i capelli, ma a crema mai mangiata. Da provare!

    Rispondi
  2. Francesca Palmieri

    Ti faccio compagnia, su quel tavolo. Sono esperta, so come dosare il peso, come non farsi venire i giramenti di testa, come “inclinare” lo sguardo per non avere distorsione… 🙂
    Se ami la zuppa di cipolle (come me) è ovvio che ami anche le sciarpe. Perchè in fondo sono fatte quasi della stessa consistenza. E hanno lo stesso effetto: scaldano che è un piacere, in un attimo. Le mani non sono più fredde.

    (bella foto, elegante e “nordica” come piace a me. Ikea, impara)

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Scrivevo qui sopra o qui sotto che perdo l’orientamento in un attimo (mica scherzavo) che con questa prelibatezza ha inizio una storia, quella tra Sweetie e le creme/zuppe di cipolla.
      In realtà è solo colpa del destino sbifido se non ci siamo mai incontrate prima, ma tutto era già scritto, perchè niente è per caso. Come quando ti ritrovi davanti – e capita spesso, ma questa è un’altra storia – la più bella sciarpa che tu abbia mai visto! 🙂

      Rispondi
  3. Manuela

    Feeling è la parola giusta o forse è ancora poco e questa crema ne è la prova…
    Coi conti che non tornano sono diventata brava,se hai bisogno di una controfigura per i momenti di debolezza fai un fischio!
    Un abbraccio!

    Rispondi
  4. Manuela

    Feeling è la parola giusta o forse poco e questa crema neè la prova concreta…
    coi conti che non tornano son diventata piuttosto brava, se hai bisogno di una contrfigura ogni tanto fai un fischio!

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Sul discorso feeling mi si apre un sorriso che non serve dire altro.
      Sul fronte conti che non tornano, considerati arruolata.
      Parlando di cose serie invece, mi piacerebbe davvero tanto poter condividere un piccolo viaggio, di quelli che se guardi il tempo praticamente non è successo nulla, ma se ci metti il naso in mezzo ci trovi un mondo.
      Ecco, si. Ti prenoto per un week-end! 😀

      Rispondi
  5. Tatiana

    Apro il post e lancio un “ohhh” di meraviglia dinanzi alla foto, poi leggo che si parla di zuppa di cipolle, di sciarpe e di calzini di lana che ti fanno muovere con passo felpato… e mi incanto dinanzi a questa stupenda immagine invernale piena di calore e di poesia…
    Adoro la zuppa di cipolle, in tutte le varianti possibili, come amo lo stufato di cipolle, ha quell’atmosfera rustica, semplice e casalinga che amo tanto, io che adoro attorcigliarmi nelle sciarpone per riscaldarmi e che in casa cammino con i calzettoni norvegesi, quelli grigi e pesanti che ti fanno stare tanto bene nei nostri freddissimi inverni nordici!
    Un bacio,
    Tatiana

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      I calzettoni norvegesi e il passo felpato sono da lovvo-con-infinito-trasporto.
      Per chi ama il genere, un felino peloso spalmato addosso e a posto così. Dove devo firmare? 😀
      Un abbraccio grande e grazie infinite!

      Rispondi
  6. Alice

    Anche a me piace l’autunno, starmene rintanata in casa a cucinare mentre fuori piove, vedere i colori accesi degli alberi e le foglie che volteggiano nel vento…
    E adoro la soup á l’oignon! Questa crema me l’ha ricordata, ma mi sembra più smorzata. E poi con il caprino…yuum! Già la adoro! 🙂

    Rispondi
    1. Sweetie

      Non avendo mai provato la soup á l’oignon – promesso che riparerò al più presto! – posso solo andare a sentimento… Si, credo abbia un gusto piu delicato. Il crostino con il formaggio di capra invece é goduria pura! 😀

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: