Poppy Seed Citrus Cake

Poppy Seed Citrus Cake

Sono quella che il cioccolato fondente è buono, ma il cioccolato bianco lo è di più.

Sono quella che parla con il gatto. D’altra parte, chi non lo fa? Io mi apposto dietro lo stipite della porta e mi affaccio all’improvviso, lui mi guarda perplesso e poi miagola. Gli rispondo e parte così una conversazione sui massimi sistemi che dovreste sentirci.

Sono quella che nasciamo tutti matti, qualcuno lo rimane. Che dopo la storia del gatto, cosa ve lo dico a fare.

Sono quella che non ha mai cucinato un ragù, ma che non ha un attimo di esitazione di fronte ad una torta al cioccolato a quattro piani.

Sono quella che consuma fazzoletti guardando un film. Tipo davanti a Nemo, per non parlare di Up. Su Wall-e finiamo fuori scala.

Sono quella che la felicità è viaggiare. Due cose in valigia, la reflex al collo e la mappa di tutti i mercati di Parigi in tasca.

Sono quella che chissà cosa sarebbe successo se ti avessi baciato. Tu e la tua camicia bianca. Io e l’unica gonna sopra il ginocchio che abbia mai avuto.

Sono quella che apri l’armadio e non ci trovi nemmeno una gonna, neanche una. In compenso, tra sciarpe e maglioni, abbondano piattini, ciotoline e tutte quelle cose che una volta compravo borse, oggi mi dedico ai props.

Poppy Seed Citrus Cake

Sono quella che sentirsi fuori posto è un attimo. Sentirsi a casa ci stiamo lavorando

Sono quella che ha un debole per i semi di cardamomo, le bacche di vaniglia e i semi di papavero.

Sono quella che non resiste davanti ad un astuccio di matite colorate, pranza con un gelato anche d’inverno e la colazione è sacra.

Poppy Seed Citrus Cake

Per la vostra colazione di domani.

Ah, giusto… vi piacciono i semi di papavero, vero?

4.5 from 2 reviews
Poppy Seed Citrus Cake
Autore: 
Porzioni: Teglia da 20/22 cm
 
Ricetta tratta da "California Bakery, i dolci dell'America"
Cosa vi serve
  • 225 gr di zucchero
  • 280 gr di farina 00
  • 12 gr di lievito
  • 2 gr di sale
  • 135 ml di succo di arancia
  • la scorza grattugiata di 1 limone e ½ bio
  • la scorza grattugiata di 1 arancia e ½ bio
  • 135 ml di olio di semi
  • 3 uova
  • 80 gr di semi di papavero
Mettiamoci al lavoro
  1. Versate in una ciotola capiente il succo di arancia, l’olio, le uova, lo zucchero, la farina, il sale, il lievito, i semi di papavero, le scorze di arancia e limone grattuggiate.
  2. Mescolate solo alla fine.
  3. Amalgamate con la frusta a mano, cercando di incorporare aria, questo darà corpo al dolce.
  4. Continuate per 1 minuto, pulite le pareti della ciotola con una spatola e continuate a lavorare con maggior energia fino ad ottenere un composto liscio.
  5. Cuocere in forno già caldo a 170° per 30-35 minuti.

Pin It
Print Friendly, PDF & Email

12 pensieri su “Poppy Seed Citrus Cake

  1. Francesca

    Sono quella che ti aspetta tutte le volte con lo stesso piacere perchè si nutre di parole che lasciano il segno, oltre che di gelati (anche invernali e notturni).
    Sono quella che vuole che arrivi domani, se sull’asse di legno sa di trovare un grande pois con un piccolo pois al centro.
    Sono quella che parla tanto con Ciupi Ciupi e più Ciupi Ciupi fa le fusa (perchè lui capisce, ne sono convinta) e più parla. E rincorre i topetti appresso a lui.
    Sono quella che sottolinea tante tue frasi, come fossimo dentro un romanzo. E quindi ha sempre matite sotto mano, oltre che barattolini e ciotole di ogni tipo.
    Sono quella che ora snobba lo shopping di vestiti e appena può si butta dentro quelli di casa. Se poi ci sono i saldi, mette pure una brandina nel reparto cucina.
    Sono quella che quel bacio… l’ha dato, se lo ricorda e se lo ricorderà sempre. Insieme ad una camicia bianca portata un-po’-così su jeans chiari. E spesso si è chiesta “chissà come sarebbe stato”, senza aimè aver mai avuto una risposta.
    Sono quella che copierebbe tutta, pari pari, l’undicesima e la dodicesima riga.

    Sono quella che parla, scrive, pensa, si arrovella, sogna tanto, a volte troppo. E qui in modo particolare. E quanto mi piace farlo! 🙂

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Sono quella che deve preparare un tot di biscotti, infornare delle piccole ciambelle che sembrano pois e poi prendere un treno per Roma 🙂

      Rispondi
  2. Staximo

    Parli al gatto? davvero!?!?!?!?!?!? e io che parlo con cani e gatti… come sono io????
    :o)
    Di sicuro però amo i semi di papavero (vedi ad es il mio ultimo post…) e così metto questi dolcetti nella mia To-Do-List.
    Ciao,
    Simona

    Rispondi
  3. Chiara

    Sono una di quelle che ti adora. Proprio per come sei.
    E quello che va limato, quello su cui c’è da lavorare sa che sarà limato e lavorato.
    Con i tuoi tempi, solo tuoi, quelli che servono.

    Hug
    Chiara

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Sono complicata e non ho senso dell’orientamento. Ogni tanto mi perdo, qualche volta navigo a vista. Tra tutto però, c’è che non vorrei perderti.
      E adesso basta che sto messa peggio che con Wall-e 😛

      Rispondi
  4. Marta

    Sono quella che avrebbe potuto scrivere questo post, parola per parola. Dillo che sei entrata nella mia mente (e del mio gatto)! 😀
    Poi beh, che lo dico a fare, ma limone-cioccolatobianco-seminidipapavero. Adoro!
    🙂

    Rispondi
  5. Manuela

    Sono quella che arriva tardi, ma alla puntualità ci tiene parecchio, quella che ti ha promesso una cena fuori e non se l’è scordata…sono quella che quando si parla di dolci si affida a te con una certa sicurezza, anche se a farle uguali le ricette non ci riesce mai,ma almeno ci tenta…
    Sono quella che si è innamorata di una ciambella e corre per negozi a cercare uno stampo (colpa tua eh?!)

    Insomma sono qui, anche se non si vede spesso 🙂

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      Sono quella che legge con un sorriso stampato sul muso grande così.
      Mi candido come tua istigatrice a delinquere. Di ciambelle e formine tagliabiscotti. Tu mi dai una baguette e siamo apposto così! 🙂

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: