Biscotti cacao e nocciole

Non state a formalizzarvi su quanto burro, quante nocciole e bla bla bla che sennò vi passa la poesia.
Solo un paio di suggerimenti per il gusto di potervi dire “io ve l’avevo detto”:

  • fate in modo di infornarne un quantitativo ragionevole: lascio a voi decidere cosa sia ragionevole, diciamo che tre teglie non lo sono mica tanto
  • distribuiteli tra amici e parenti che tenerne in casa troppi può essere pericoloso. Sarà difficile separarsene, ma fidatevi
  • assumeteli a piccole dosi
  • creano dipendenza come tutto ciò che fa ingrassare

Ciò detto, con quelli che vi rimangono dopo aver fatto la distribuzione dei pani e dei pesci, voi e loro in un tenerissimo tete-a-tete, spalmatevi sul divano o meglio ancora abbarbicatevi su una Poang, fate suonare della buona musica e sgranocchiateli con una tazza di latte.

INGREDIENTI

150 gr di burro
65 gr di zucchero a velo
26 gr di panna
16 gr di cacao
195 gr di farina di farro
80 gr di nocciole
1/4 di baccello di vaniglia
un pizzico di sale
(le dosi corrispondono ad 1/5 della ricetta originale)

Lavorate il burro morbido con lo zucchero a velo, il sale e la vaniglia utilizzando la foglia della planetaria o un frullino per impasti duri. Unite a filo la panna e poi la farina con il cacao amaro. Completate l’impasto aggiungendo le nocciole tostate ridotte in granella. L’impasto può essere lavorato anche a mano.
Con l’impasto ottenuto formate una mattonella il più possibile regolare, alta circa 4 cm. Fatela raffreddare in frigorifero (io l’ho preparata la sera prima) quindi ricavate delle fettine spesse poco più di 1 cm (la ricetta dice 12 mm circa). Scaldate il forno a 170 gradi e fate cuocere per circa 18 minuti.

La ricetta è tratta da “Le dolci tentazioni” di Luca Montersino, Rizzoli Editore

Pin It
Print Friendly, PDF & Email

6 pensieri su “Biscotti cacao e nocciole

  1. Megarahwitch/La Strega

    come già detto, proverò questa tua ricettina paciugosissima (…ma che mixer?? Metto le mani in paciugo, io! XD) con qualche piccola modifica: tanto per cominciare, utilizzando farina gluten free (così non compio atto di suicidio ^^) e poi cambiando la frutta secca, in modo da non essere colpevole di omicidio nei confronti di una delle mie cavie.

    Le dosi sono un quinto dell’originale?? Ma quante caspita di teglie venivano in orgine??

    Rispondi
    1. Sweetie Autore articolo

      So per certo che Montersino (la ricetta è sua) propone una versione anche con la farina di riso. Al posto delle nocciole che pensavi di usare? Mandorle? Pistacchi?
      Per quanto riguarda le dosi diciamo che Montersino aiuta a tenere allenata la mente facendo fare divisioni su divisioni! ^___^ (tutte così le sue ricette!)

      Rispondi
  2. DARKVAMPIRELLA

    Ho provato a farli ieri, invece della farina di farro, che no avevo in casa go usato la stessa quantità di farina bianca 00 e devo dire che il risultato è stato ottimo.
    Buonissimi, ipercalorici ma fantastici!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Bravissima Sweetie e grazie per l’idea!!!!!!!!!! =)

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *